Territorio

Territorio, mare, vento e posidonia


Territorio

Rispetto alla vastità del territorio la zona è poco popolata, con una densità inferiore a quella nazionale.

I Comuni del territorio del Sarrabus sono: Burcei, Castiadas, Muravera, San Vito, Villaputzu e Villasimius.

Una delle caratteristiche peculiari della zona è la grande varietà dei caratteri geo-morfologici, passando da punte come il massiccio dei Sette Fratelli a valli boschive che giungono rapidamente alle zone delle bellissime e rinomate spiagge locali.

Nono solo cime e spiagge, ma anche aree pianeggianti costiere che sono dovute alla deposizione di materiale di origine alluvionale; qui si incontrano anche numerosi stagni di varia grandezza tra i quali il più importante è quello di Colostrai. L’intera area, originatasi durante Paleozoico è geologicamente molto antica.

Il Flumendosa, che è il fiume principale, attraversa il territorio del Sarrabus da nord-ovest verso sud-est con la sua valle, prima stretta, riservata e nascosta all’ombra dei monti, poi aperta e distesa come una fertile pianura alluvionale.

Questo fiume in passato, vista la sua portata incostante, causò problemi a persone e cose con delle inondazioni che ancora oggi le popolazioni locali tristemente ricordano.

Oggi, il corso dell’acqua è controllato da un sistema di dighe.

E’ una zona ricca di maneggi, strade e stradelli che si inseriscono in un contesto di paesaggi mozzafiato, frequentate da tanti cicloturisti e sportivi in genere.

Mare e vento

Il mare di questo angolo di Sardegna regala emozioni dalle mille sfumature, c’è un’aria pulita e un paesaggio ancora incontaminato.

Le spiagge, di sabbia finissima, con fondali poco profondi, sono l’ideale per i più piccoli.

In queste zone puoi incontrare due venti importanti: il maestrale, in grado di regalarti momenti di freschezza nelle estati calde dell’isola spazzando via le nuvole, così da poter ammirare cielo, mare e paesaggio con i suoi colori più vivi.

La leggenda narra che il maestrale faccia compagnia sempre per un numero di giorni dispari, uno, tre, cinque, sette giorni.

Alcune zone sono meta per appassionati di surf e kitesurf.

Poi c’è lo scirocco, un vento caldo che da il suo personale benvenuto nella stagione estiva a chi viene da queste parti.

Per quanto riguarda le mete più ambite di questa meravigliosa costa, non possiamo non elencare le principali spiagge delle migliori località di questo angolo di paradiso.

Villasimius

Porto Sa Ruxi:

Mare cristallino e fondali bassi rendono questo tratto di spiaggia particolarmente adatta ai nuotatori inesperti e a famiglie con bambini.

Punta Molentis:

Una delle spiagge più belle di Villasimius, dove il mare regala infinite sfumature tra l’azzurro ed il verde, a secondo della profondità dei fondali.

Giunco:

Sabbia bianchissima e il magnifico mare fanno della spiaggia del Giunco il tratto di costa più adatto agli amanti dello snorkeling.

Campulongu:

Si tratta di una delle spiagge di Villasimius che offre più servizi ed è anche raggiungibile comodamente dal centro abitato.

I Il fondale è basso e le acque sono tranquille, particolarmente adatte a chi ama lunghe e tranquille nuotate immersi in un mare da favola.

Castiadas

Cala Pira: Acque straordinariamente azzurre e la natura incontaminata rendono il luogo un autentico paradiso terrestre!

Anche il paesaggio è molto suggestivo, regalando scorci indimenticabili sull’isola di Serpentara e sulla torre dalla quale prende il nome la caletta.

Cala Sinzias: un’altra bellissima spiaggia nel territorio di Castiadas, adatta a famiglie e bambini, che si scorge dopo aver attraversato un bosco di eucalipto.

Protetta da un promontorio che regala una vista straordinaria, i suoi due km di spiaggia e le acque turchesi regalano ai suoi frequentatori uno spettacolo per gli occhi e i sensi.

Villaputzu

Cala Murtas: Una perla, un tempo proibita per questioni militari, ma disponibile nel periodo estivo.

Ben nascosti all’interno del poligono militare di Quirra, sei km di spiaggia con sabbia bianchissima a grani medi e grossi, mista a sassolini levigati. Un’acqua limpidissima di un azzurro intenso.

Ideale per il gioco in riva dei bambini grazie ai bassi fondali.

Molto apprezzata anche dai surfisti e dagli appassionati di pesca subacquea e immersioni.

Muravera

Scoglio di Peppino: composto del tipico granito sardo chiaro e dalla forma caratteristica, è una meta ambita del turismo nell’isola.

Insieme alla spiaggia, per la particolare insenatura vicino allo scoglio, nelle giornate di poco vento sembra crearsi una piscina naturale per la felicità dei genitori con figli piccoli.

La leggenda narra che il nome di questo scoglio, arrivi da un uomo di nome Peppino, un pescatore che l’aveva scelta come sua meta privilegiata della quale era un assiduo frequentatore.

Posidonia

Non è raro incontrare la Posidonia depositata nelle spiagge per effetto delle mareggiate che la portano sulla riva.

Se spesso è erroneamente considerato un elemento di disturbo nel contesto generale del paesaggio e della spiaggia stessa, questa pianta acquatica è un ottimo bioindicatore della qualità delle acque marine costiere.

Quando incontriamo la posidonia nelle spiagge, dobbiamo tutelarla e rispettarla. E’ davvero un bene prezioso da custodire perché ci permette di godere di queste acque fantastiche dove ognuno di noi ama farsi il bagno e fare una nuotata.

Oltre al mare questa zona è caratterizzata anche dalle trasparenze degli stagni.

Un’occasione per gli amanti del birdwatching è quella di poter ammirare il famoso fenicottero rosa e altre specie volatili che hanno trovato in queste aree casa e protezione.

Altro segno distintivo del territorio, la presenza di market e botteghine all’antica, dove si può respirare un’aria più autentica e rustica rispetto ai grandi centri con i loro supermercati.

Per chi non ama il caldo estivo, ma preferisce temperature più miti, trovando pace nel sentire il rumore del vento e le onde infrangersi nel bagnasciuga, può visitare questo territorio anche fuori stagione.

A presto,

Alberto Garau

Digital Marketing Sardinia Co-Hosting



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *